Mercoledì 15 luglio ti aspettiamo in farmacia per una speciale giornata di prevenzione “Vein Check”.

Sarà presente dalle 10 alle 18 un’esperta biologa che attraverso un apposito macchinario valuterà eventuale presenza di insufficienza venosa.

Cos’è l’insufficienza venosa

Con il termine “insuffcienza venosa” si intendono tutte quelle manifestazioni dovute ad un difficoltoso ritorno del sangue al cuore.
Il viaggio di ritorno del sangue dalla periferia al cuore, avviene contro la forza di gravità ed è favorito soprattutto dall’elasticità della parete venosa e delle strutture valvolari che durante la pausa della spinta cardiaca si chiudono e si oppongono alla ricaduta verso il basso del sangue che è contenuto nelle vene. Quando, per una serie di fattori, la vena perde elasticità, il sangue non riesce a risalire e ristagna nelle vene delle gambe. Il ristagno ematico comporta un aumento della pressione nelle vene con sfiancamento della parete venosa e compromissione della funzionalità delle valvole. Di conseguenza, il sangue ristagna in misura maggiore e il disturbo tende, nel tempo, ad aggravarsi, pur restando asintomatico per lungo tempo. Il ristagno favorisce inoltre l’instaurarsi di un processo infiammatorio con accumulo di radicali liberi dell’ossigeno che possono ledere le cellule delle pareti dei vasi. L’ossidazione rende i vasi più fragili e permeabili, e quindi, contribuisce alla formazione di edema (gonfiore) e al peggioramento del quadro clinico.

L’insufficienza venosa è una condizione patologica particolarmente di usa nei Paesi industrializzati. In età giovanile si stima che circa il 10% della popolazione maschile e il 30% di quella femminile (rapporto 1:3) sia a etto da insufficienza venosa di entità diversa. Dopo i 50 anni, il fenomeno vascolare si manifesta nel 20% degli uomini e nel 50% delle donne. Quindi, l’insufficienza venosa interessa principalmente le donne e l’incidenza di tale disturbo aumenta in modo proporzionale all’età. Persone con familiarità con tale condizione saranno maggiormente predisposte a sviluppare problemi circolatori degli arti inferiori. Ma non bisogna dimenticare che lo stile di vita gioca un ruolo fondamentale. Nelle donne, poi vi sono poi dei momenti della vita particolarmente a rischio quali le gravidanze e la menopausa che richiedono di adottare delle precauzioni per evitare il manifestarsi dell’insufficienza venosa.
La valutazione dell’insufficienza venosa è intesa come attività di screening circa le problematiche di circolazione e pesantezza degli arti inferiori. Tale valutazione, di semplice realizzazione e non invasiva, si avvale di un pletismografo a luce riflessa. La quantità di luce riflessa varia in modo proporzionale alla quantità di emoglobina e quindi al numero di eritrociti presenti. Il risultato viene espresso come tempo di riempimento (o Refilling time), ossia il tempo impiegato dal sangue a tornare nel polpaccio dopo che un movimento forzato ne ha causato il momentaneo svuotamento.

 

Dettagli dell’evento 

Mercoledì 15 luglio dalle ore 10 alle ore 18

L’appuntamento ha una durata di 15 minuti, al termine dell’appuntamento sarà rilasciato un report e i consigli di prevenzione più adatti 

La prenotazione è obbligatoria e la visita ha il costo di 10€ 

Prenota subito al tua analisi, vieni in farmacia o chiama al 0573 22264