Cos’è la dermatite atopica

La dermatite atopica o eczema atopico è una malattia a predisposizione genetica, cronica e recidivante che si manifesta già da 3 mesi di vita. La probabilità di incontrare la dermatite atopica nei primi mesi di vita risulta elevata perché il sistema immunitario dei lattanti non è ben formato. 

La dermatite atopica è caratterizzata da alterazione della barriera cutanea, deficit di lipidi, secchezza e infiammazione. Le manifestazioni tipiche dell’infiammazione della pelle (prurito, eritema, secchezza, desquamazione, crosticine) possono presentarsi all’improvviso, per l’azione di determinati fattori corresponsabili e favorevoli e fra questi anche la stagione fredda. Si definisce dermatite atopica perché non ha una collocazione cutanea particolare. 

La dermatite atopica si distingue dalle altre forme di dermatiti per il fatto che le manifestazioni cutanee ad essa correlate non coincidono con le aree in cui una data sostanza è posta a contatto con la pelle. Nella maggior parte dei soggetti affetti di dermatite atopica sono ricorrenti episodi di asma, rinite e rinocongiuntivite allergica, in concomitanza con eruzioni cutanee e prurito.

Come curare o limitare la dermatite atopica

Per diminuire la sintomatologia della dermatite atopica oltre alla terapia farmacologica è fondamentale la costante cura della pelle con emollienti e detergenti specifici. Nella forma acuta della dermatite atopica è utile l’utilizzo di preparazioni farmaceutiche a base di corticosteroidi supportato da creme emollienti che servono non tanto ad eliminare il problema alla radice ma a controllare i sintomi.

La completa guarigione della dermatite atopica è difficile da raggiungere, ma a limitare le manifestazioni fastidiose e ridurre la sintomatologia può essere utile adottare accorgimenti comportamentali e seguire consigli utili.

ceramol per curare la pelle atopica

Una corretta igiene del corpo mediante l’uso di detergenti delicati si rivela essenziale per la riduzione delle forme recidive di dermatite atopica. Importante anche l’impiego di un abbigliamento adatto con abiti di cotone e fibra naturale.

Particolare attenzione deve essere impiegata anche nella scelta dei cosmetici e dei prodotti per il make-up che devono essere rigorosamente di qualità!

L’integrazione con alcuni nutrienti tra cui prebiotici, probiotici e particolari acidi grassi potrebbe aiutare a ridurre la possibilità di sviluppare la dermatite atopica o quanto meno ridurre la gravità. L’assunzione dei probiotici, i cosiddetti batteri ‘buoni” che contribuiscono a riequilibrare la flora batterica intestinale, risulta di particolare interesse ed efficacia nel ridurre la possibilità di sviluppare la dermatite atopica o quanto meno la sua gravità.

Nel trattamento locale della dermatite atopica consigliamo l’utilizzo di alcuni prodotti della linea Ceramol disponibile in farmacia.

Riassumendo: 

  • il primo consiglio importante è di spegnere l’infiammazione e quindi il bruciore, l’arrossamento e il prurito con Ceramol beta complex crema che ha un forte effetto calmante e lenitivo.
  • Il secondo consiglio è di ricostruire la barriera cutanea e riportarla in uno stato sano evitando così le ricadute della dermatite atopica. I prodotti più consigliati in questo caso sono Ceramol 311 crema o Ceramol 311 lipocrema.
  • Il terzo consiglio è proteggersi utilizzando detergenti molto delicati per mantenere integra la barriera cutanea. Il prodotto di scelta è Ceramol olio detergente viso corpo che garantisce una pulizia e detergenza delicata idratando contemporaneamente la pelle. Questo prodotto si può usare con e/o senza risciacquo. I prodotti sopra indicati sono adatti sia ai neonati che agli anziani, alle donne in gravidanza e a tutti i soggetti con pelle intollerante, allergica o sensibile.
Dott.ssa Vojsava Dhima

Dott.ssa Vojsava Dhima

 

Dottore in farmacia 

Responsabile del settore dermocosmetico