Molto spesso confondiamo la parola “Dieta” con un regime restrittivo, volto alla sostanziale perdita di peso, mentre dovremmo piuttosto concentrarci sullo Stile di vita che aiuta a prevenire, curare e migliorare la nostra esistenza, sia di persone sane e tanto più di malati oncologici ma non solo.

Una sana alimentazione non cura, ma consente al nostro organismo di riequilibrarsi e tutto questo e’ possibile seguendo i principi di Varietà, Genuinità e Gradualità.

Alcuni alimenti sono da considerarsi indispensabili durante o dopo un trattamento chemioterapico per esempio:

  • Cereali integrali in chicco o altri formati secchi(pasta o pane) da utilizzare dopo la chemioterapia.
  • Cereali integrali in crema durante la chemioterapia
  • Riso integrale
  • Miso in pasta da aggiungere in una tazza di brodo vegetale
  • Verdura e Frutta; cotta durante la chemioterapia, cruda dopo la chemioterapia

In particolare il riso, ovviamente sempre integrale e che sia integrale vero, contiene fitochimici bioattivi presenti nella crusca(acido ferulico, tricina,betasitosterolo, gamma-orizanolo, tocoferoli) con molteplici azioni benefiche:

  • Elevata Azione Antinfiammatoria
  • Antiossidante
  • Riduzione stimolazioni auto-immunitarie tipiche post chemioterapia o in caso di infezioni intestinali

Possiamo ad oggi parlare di vera e propria terapia alimentare, diversa a seconda della patologia che ci troviamo ad affrontare, di seguito alcuni esempi.

Nausea, Vomito e Gastrite

Patologie comuni per chi affronta chemioterapia, aggravate dall’uso scorretto di caffè, fumo o patologie polmonari, renali o epatiche. Si instaura un disequilibrio fra i fattori aggressivi della secrezione acida e fattori protettivi della mucosa gastrica e della flora gastrointestinale.

Consigli utili:

  • Eliminare cibi allergenici(latte anche se usato come antiacido).
  • Evitare cibi acidificanti(pomodoro, proteine animali, alcool, caffè, spezie piccanti e brodo).
  • Aumentare il consumo di fibre che rallentano lo svuotamento gastrico e riducono il rischio di ulcere(ortaggi, cereali integrali)
  • Aumentare Vitamina A, E, Zinco che stimolano le mucine protettive dello stomaco ed inibiscono le ulcere da stress(semi oleosi, crucifere, zucca, melone, albicocca, germe di grano).
  • Zuppa di Miso a base di soia e cereali fermentati favorisce l’equilibrio gastrointestinale.
  • Non sempre sappiamo quanto sia importante evitare alcune dannose combinazioni:
  • Amidi+alimenti acidi
  • Proteine+ sostanze acide
  • Proteine+ grassi
  • Frutta ai pasti

 

Micosi

Infezione da Candida Albicans a carico del sistema buccale-gastrointestinale, urogenitale, nervoso ed immunitario che si manifesta per alterazione del sistema immunitario stesso e della flora intestinale e causa stanchezza, alterazione dell’umore, allergie, disturbi gastrointestinali e gonfiore.

Consigli Utili:

  • Eliminare gli zuccheri semplici per almeno 2 mesi(la Candida si nutre di carboidrati non complessi)
  • Evitare latte e derivati, lieviti, formaggi stagionati, alcool e birra
  • Consumare cibi che favoriscono la funzionalità epatica(cicoria, carciofo, tarassaco, aceto di mele)
  • Aumentare il consumo di fibre per facilitare l’evacuazione (ortaggi, frutta, cereali integrali legumi, pesce)
  • Consumare regolarmente aglio (antifungino)

 

Cistite

Causata dalla proliferazione di batteri che risalgono il tratto urinario, tipica in soggetti con sistema immunitario o flora batterica deficitari.

Consigli utili:

  • Aumentare l’idratazione(2-3 litri di acqua al giorno almeno)
  • Aumentare alimenti alcalinizzanti delle urine(uva ursina, aglio, cipolla)
  • Consumare molte fibre per favorire il transito intestinale
  • Ridurre consumo di alimenti che infiammano il colon e alterano la flora intestinale(carni rosse, insaccati, formaggi stagionati)

 

Anemia

Carenza del numero di globuli rossi o emoglobina per carenza di ferro o vitamina B12, frequente in pazienti in terapia chemioterapica, ma anche in bambini, donne in gravidanza…e causa stanchezza, tachicardia, nervosismo, cefalea e vertigini.

Consigli utili:

  • Mantenere una flora intestinale in equilibrio
  • Consumare ortaggi verde scuro, ricchi in clorofilla(spinaci, bietole, coste, broccoli..)
  • Preferire cereali integrali e legumi
  • Consumare sostanze contenenti Vitamina C che migliora l’assorbimento del ferro(limone, rosa canina, frutti rossi e di bosco, frutta secca)

Questi sono solamente alcuni esempi di come la nostra alimentazione, parallelamente allo stile di vita, possa influenzare il nostro livello di salute e benessere, agendo come prevenzione in soggetti sani, ma anche come terapia adiuvante in pazienti sottoposti a terapie oncologiche ma non solo.

Scopri di più 

Dot.ssa Elisa Vaiani